Tu sei qui

Dai Quaderni del Giscel

Dai quaderni del GISCEL

Sotto questa etichetta il lettore trova due serie di documenti, selezionati fra le pubblicazioni GISCEL in quanto ritenuti attuali e utili per la riflessione e l’utilizzazione didattica:

  • Una raccolta, incrementabile, di articoli dedicati a temi specifici di educazione linguistica (le quattro abilità, il testo, il testo scientifico)
  • Una raccolta, anch’essa incrementabile, di volumi riprodotti integralmente, scelti fra quelli pubblicati dal GISCEL, per lo più come Atti di Convegni o di Seminari particolarmente significativi (e tuttora di grande attualità). Il primo dei volumi riprodotti è: P. Desideri (a cura di), La centralità del testo nelle pratiche didattiche, Quaderno del GISCEL n. 10, La Nuova Italia, Firenze 1991, che contiene i contributi presentati all’incontro di studio del GISCEL Marche, tenuto a Urbino nell’ottobre 1988 

                                               ARTICOLI

LE QUATTRO ABILITÀ

Scrivere

L. Altichieri, V. Deon, «Varianti» e scrittura
in M. A. Cortelazzo (a cura di), Scrivere nella scuola dell’obbligo (1991), pp. 193-217.

S. Rossi, Prendere appunti, un’ipotesi di curriculum didattico
in M. A. Cortelazzo (a cura di), Scrivere nella scuola dell’obbligo (1991), pp. 133-139.

D. Coltellini,  M.A. Sabatino, Dal testo informativo al testo argomentativo: un’esperienza nel biennio
in A. Colombo (a cura di), I pro e i contro. Teoria e didattica dei testi argomentativi (1992), pp. 121-140.

A. Colombo, Tipi e forme testuali nel curricolo di scrittura
in A. R. Guerriero (a cura di), Laboratorio di scrittura. Non solo temi all’esame di Stato. Idee per un curricolo (2002), pp. 43-61.

D. Corno, Scrivere, pensare, sapere di sapere. Aspetti e problemi del paradigma cognitivo nell’insegnare a scrivere
in F. Camponovo, A. Moretti, Didattica ed educazione linguistica (2000), pp. 97-124.

M. E. Piemontese, La scrittura: un caso di problem solving
in A. R. Guerriero ( a cura di), Laboratorio di scrittura. Non solo temi all’esame di Stato. Idee per un curricolo (2002), pp. 5-40.

Leggere

D. Corno, Il ragionar testuale: il testo come risultato del processo di comprensione
in P. Desideri (a cura di), La centralità del testo nelle pratiche didattiche (1991), pp. 45-67.

A. Colombo, Il testo argomentativo: presupposti pedagogici e modelli di analisi
in A. Colombo (a cura di), I pro e i contro. Teoria e didattica dei testi argomentativi (1992), pp. 59-84.

M. A. Marchese, Linee-guida per un curricolo
in Silvana Ferreri (a cura di), Non uno di meno. Strategie didattiche per leggere e comprendere (2002), pp. 93-109.

IL TESTO

M. T. Lecca, V. Pudda, Il testo descrittivo: dalle forme soggettive a quelle scientifiche (e viceversa)
in A. R. Guerriero (a cura di), L’educazione linguistica e i linguaggi delle scienze (1988), pp. 165-180.

C. Lavinio, Tipi testuali e processi cognitivi
in F. Camponovo, A. Moretti, Didattica ed educazione linguistica, (2000), pp. 125-144.

M. A. Marchese, La varietà dei testi
in S. Ferreri (a cura di), Non uno di meno. Strategie didattiche per leggere e comprendere (2002), pp. 111-129.

IL TESTO SCIENTIFICO

T. De Mauro, Linguaggi scientifici e lingue storiche
in A. R. Guerriero (a cura di), L’educazione linguistica e i linguaggi delle scienze (1988), pp. 9-19.

                                         VOLUMI

P. Desideri (a cura di), La centralità del testo nelle pratiche didattiche (1991)

 

 

Documenti

Novità normative da

notiziedellascuola.it

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo. (G.U. 23.06.2017, n. 144 - S.O.)

Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno. (G.U. 20.06.2017, n. 141)

Regolamento di attuazione dell'articolo 1, commi da 199 a 205, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, in materia di riduzione del requisito contributivo di accesso al pensionamento anticipato per i lavoratori c.d. precoci. (G.U. 16.06.2017, n. 138)