Tu sei qui

Giscel Veneto - Resoconto

Seminario interregionale di formazione

Grammatiche e riflessione sulla lingua a scuola

Padova, 22 febbraio 2011

Il 22 febbraio 2011, dalle ore 9 alle ore 18.30, si è svolto a Padova il Seminario Interregionale Grammatiche e riflessione sulla lingua a scuola organizzato dal GISCEL Veneto in collaborazione con il GISCEL Trentino e il GISCEL Friuli.

Il seminario si è tenuto:

  • al mattino: università di Padova, Palazzo Maldura, aula H, via B.Pellegrino,
  • al pomeriggio: I.S. "Einaudi", piazza Mazzini, Padova.

È stato affrontato un nodo centrale nella pratica del docente: il problema dell’insegnamento della grammatica della lingua italiana, stimolando la riflessione sulle pratiche di insegnamento, ma anche di suggerendo possibili percorsi, ideati alla luce dei saperi più aggiornati della linguistica.

La mattinata è stata dedicata alle due relazioni Le regole e le scelte di Michele Prandi e Grammatiche d'italiano e linguistica moderna di Laura Vanelli. Michele Prandi ha focalizzato il suo intervento sulla frontiera tra regole e scelte, sia a livello frastico sia (e soprattutto) a livello transfrastico. Laura Vanelli ha invitato a riflettere sulla convergenza (a posteriori) dei tre livelli semantico, sintattico e comunicativo, ponendosi il problema della relazione tra riflessione scientifica e piano didattico.

Dopo le relazioni si è svolto un dibattito che si è caratterizzato per la presenza di numerosi interventi.

A conclusione della mattinata sono stati presentati i laboratori in cui si sono di seguito articolati i lavori pomeridiani.

Nel pomeriggio tali laboratori, dopo una presentazione dello specifico argomento e delle tracce di lavoro da parte dei responsabili, hanno visto lo svolgersi di lavori di gruppo e lo scambio di riflessioni ed esperienze didattiche da parte dei partecipanti.

Adriano Colombo (Giscel Emilia Romagna): I determinanti e i pronomi. Riflettere sulla lingua in ottica plurilingue

Valter Deon (Giscel Veneto): Interrogare la lingua, interrogarsi con la grammatica

Federico Ghegin (Giscel Veneto): Le teorie formali servono all'educazione linguistica? Come usare in modo eclettico le acquisizioni scientifiche per la programmazione di grammatica

Paola Marinetto (Giscel Veneto): Dalla grammatica all'educazione linguistica: l'utilizzo didattico degli errori nell'uso delle preposizioni

Daniela Picamus, Evi Batagelj (Giscel Friuli-Venezia Giulia): Il complemento oggetto risponde sempre a "chi" o "che cosa"? Analisi logica e valenza verbale in italiano e latino

Paola Baratter e Natascia Rosmarini (Giscel Trentino): L'approccio valenziale nell'educazione linguistica

Hanno partecipato al seminario circa 100 insegnanti di ogni grado scolastico provenienti dal Veneto, dal Trentino e dal Friuli Venezia Giulia.

Le discussioni nei gruppi sono state ricche e articolate, dimostrando come sia interessante e utile, sul piano didattico, la riflessione sulla grammatica e sulla lingua e come possa essere produttivo uno scambio tra riflessione scientifica e piano didattico.

Per il Giscel Veneto
Paola Marinetto

Iniziative di formazione

Novità normative da

notiziedellascuola.it

Aggiornamento delle graduatorie di circolo e di istituto del personale docente ed educativo, triennio scolastico 2017-20. Modello B di scelta delle sedi.

Ministero dell'istruzione dell'università e della ricerca. Schema di decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca recante regolamento per la definizione delle modalità di svolgimento delle procedure concorsuali per l'accesso ai ruoli della dirigenza scolastica, la durata del corso e le forme di valutazione dei candidati ammessi al corso, ai sensi dell'articolo 29 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, come modificato dall'articolo 1, comma 217 della legge 28 dicembre 2015, n. 208.

Indirizzi per l'attuazione dei commi 1 e 2, dell'articolo 14, della legge 7 agosto 2015, n. 124 e linee guida contenenti regole inerenti all'organizzazione del lavoro finalizzate a promuovere la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei dipendenti. (G.U. 17.07.2017, n. 165)